Articoli del 2016 · Dal Mondo · Politica · Satira

Analisi dell’elezione del Presidente degli Stati Uniti 2016: una profezia di South Park.

6979

La serie televisiva satirica South Park, viene spesso criticata per i suoi toni troppo sopra le righe e per la sua volgarità. Purtroppo, la maggior parte degli spettatori e della critica di settore, prestando la sbilanciata attenzione alla facciata di irriverente provocazione e del “politicamente scorretto”, perdono il lato più importante della serie di cui si è sempre contraddistinta, crescendo nella complessità e qualità di anno in anno; parliamo della profondità dei contenuti e dei messaggi, esposti senza filtro alcuno, ma con intelligenza, originalità, e che palesano un’importante morale di fondo che induce alla riflessione (proprio quello che la buona satira dovrebbe fare), dando chiavi di lettura della società e dell’attualità politica con largo anticipo, in alcuni casi quasi profetici…

UN EPISODIO PARTICOLARE

Nell’ottavo episodio dell’ottava stagione, la scuola elementare di South Park deve votare la sua nuova mascotte, ma i soli due candidati, che rappresentano la scelta obbligata per gli studenti, sono (perdonate i termini…) una peretta gigante e un panino alla m….
Uno dei quattro protagonisti, Stanley Marsh, di fronte ad una scelta che implica il “meno peggio”, decide di astenersi dal voto, motivando la sua scelta proprio sul fatto che, se la scelta è pessima in ogni caso, è inutile. La reazione di tutta la comunità nei suoi confronti è di forte critica, arrivando addirittura alla minaccia fisica, incolpandolo d’insensibilità civica e di non tenere ai valori democratici.

tumblr_nkr8qtg0xa1rlo1q2o1_1280
Mascherata sotto una grottesca e improbabile votazione scolastica, gli autori di South Park hanno rappresentato quella che è la realtà politica statunitense, dove all’effettivo non esiste una democratica scelta, ma una votazione su qualcosa che è già stato precedentemente scelto, con la relativa reazione delle persone nei confronti di chi ne comprende la falsità e non accetta determinate forzature, convinti di esercitare un diritto.

Questa critica da parte di una serie americana, che mi stupì in modo particolare per la sua lucidità e adeguatezza, è del 2004, tanto riuscita e calzante che proprio quest’anno, nel ventennale della serie, è la trama portante della 20° stagione.

LE ELEZIONI DEL 2016

8LYPHL7K-kPYD-U1090858961847ipB-1024x576@LaStampa.it.jpg
Guardando alle elezioni statunitensi che domani decreteranno il nuovo Presidente americano; il bizzarro parallelismo sembra più veritiero che mai, quasi profetico nei suoi 12 anni di distanza, paragonato alla scelta che gli elettori americani si troveranno a fare, con il candidato Democratico Hillary Clinton e quello Repubblicano Donald Trump.
Due candidati, a dir poco disastrosi…

Analizzandoli più da vicino, troviamo l’incarnazione degli aspetti più distruttivi del neoliberismo capitalista.

PER I REPUBBLICANI…

14690985_1302411793144178_2186545940398582954_n.jpgPotere politico derivato dal denaro, disuguaglianza sociale, potere economico costruito in maniera illecita e sullo sfruttamento dei lavoratori, utilizzo del potere politico per favorire i propri interessi economici, grettezza e ignoranza, sfruttamento dell’ignoranza popolare, sessismo, razzismo; quello che troviamo in Donald Trump, il candidato Repubblicano, lo stesso che una ventina di anni fa diceva proprio “se mai mi candiderò, lo faro con i Repubblicano, sono ignoranti e stupidi”, ma scelto comunque alle loro primarie.
Con la sua politica ultra-conservatrice, che insulta le donne, le minoranze (che minoranze non sono), che gioca sull’odio razziale, come sul potenziamento del muro al confine con il Messico (perchè, come spesso dimentica la nostra stampa, la “barriera di separazione” o muro di Tijuana, già esiste, non vuole costruirlo da zero Trump, muro che, dal 1994, ha ucciso un numero imprecisato di persone, calcolabile intorno alle 8.000. Giusto per, in 28 anni di Muro di Berlino ne morirono 133…), una politica economica che si scontrerà con un sicuro conflitto d’interesse (dato che stiamo pur sempre parlando di un imprenditore multimiliardario, non proprio onestissimo…), nonchè la sua forza basata principalmente sui social e i famosi “tweet”; si rivolge soprattutto (ma non solo) a quell’immenso partito che negli USA viene chiamato il “the stupid party”, composto dal classico bianco, maschio e incolto.
In fondo, per una volta, noi abbiamo preceduto gli Stati Uniti, dato che un candidato del genere, quasi una fotocopia in tutti i termini sopracitati, l’abbiamo votato e fatto vincere per 20 anni…

… E PER I DEMOCRATICI

hillary-clinton_3Immaginare qualcosa di peggio era difficile, eppure, dall’altra parte sul fronte Democratico, ci sono riusciti, eliminando un candidato che poteva veramente giocare un ruolo “alternativo”, come Bernie Sanders (sempre configurato in un frame americano, sia ben chiaro, nulla di rivoluzionario…), ed eleggendo alle primarie la moglie di uno dei Presidenti più chiacchierati, Hillary Clinton.
In quest’altra faccia del potere capitalistico americano, troviamo il peggior lato guerrafondaio, fanatismo imperialista, la forzata egemonia neoliberista, l’ingerenza contro le sovranità popolari degli altri paesi tramite la provocazione di guerre civili o attacco diretto, potere delle lobby e dei grandi trust economici.
La signora Clinton, che ha ricoperto il ruolo di Segretario di Stato del relativo Dipartimento (che coordina la politica estera), ha fortemente sostenuto le guerre che gli Stati Uniti hanno, più o meno direttamente, provocato e sostenuto, come in Afghanistan, Iraq, Yemen, Somalia, Libia.
E proprio l’operazione in Libia del 2011, durante quella “primavera araba” pilotata e pagata dalla NATO insieme agli immancabili amici Emirati, vide come primo artefice il Segretario Clinton, con tanto di foto esultante alla morte di Muhammar Gheddafi, in cui l’amministrazione Obama decise di sostenere quei “ribelli”, nonostante fossero risaputamente membri di organizzazioni terroristiche; schema vecchio, ma sempre utile per la politica estera americana, dai mujaheddin passando per Al Qaeda e l’ISIS
Evitata anche la transizione pacifica, dopo che uno dei figli di Gheddafi cercò un dialogo con gli USA, fermamente respinto dalla politica Clinton-Obama. Una tragedia che ha portato alla destabilizzazione non solo del nord Africa, ma di un’area estesa su tre continenti; a posteriori, Obama lo definirà “il mio più grande errore”. Un pò tardi ormai…

clinton_libiaSostenitrice anche dei golpe e relative guerre civili innescate dagli USA, primi fra tutti quello del 2009 in Honduras e del 2013 in Ucraina; singolare, su quest’ultimo, notare che fra le donazioni alla Clinton Foundation per la campagna elettorale, troviamo 29 milioni di dollari donati da oligarchi ucraini… molto, forse troppo singolare…
Hillary Clinton è la rappresentante attuale delle forze lobbistiche e corporative che dominano la politica americana, in special modo quella dell’industria bellica, su cui, ormai da più di venti anni, gli Stati Uniti scaricano la loro eccedenza economica, con il risultato nefasto di un bisogno di guerra permanente.
E qui troviamo l’aspetto più pericoloso relativo alla candidata democratica, derivante dagli interessi che la sua figura è costretta a difendere; la sua visione della politica estera americana.
Aggressiva, interventista, proseguirà quella che è stata la politica dell’amministrazione Obama, inaugurata anche con il suo consenso in veste di Segretario di Stato. Le sue parole di ostilità alla Cina e alla Russia, che sono ormai due attori di primo piano della scena mondiale, nonchè competitor degli USA, arrivano in un momento in cui l’equilibrio è retto proprio da questi due paesi, che per ora (ma chissà per quanto), non hanno risposto alle tante provocazioni che subiscono dalla NATO, come il cordone militare che va dall’Estonia alla Romania, al golpe Ucraino, alle navi americane nel Mar Cinese Meridionale. Un tale Presidente che non cercherà, come confermato da lei stessa, un dialogo, ma una linea dura, sotto la falsa promozione della libertà (pretesto per il dominio globale), è un pericolo per la pace e che apre scenari per una 3° guerra mondiale.

SCEGLI LA FACCIA… DELLA STESSA MEDAGLIA

14516479_10207298370601519_4132812970065108430_n.jpg
Ma questi due candidati, che fino a ieri erano in ottimi rapporti come più di una foto può dimostrare, ma che oggi si scambiano accuse a suon di scandali nuovi e passati in un patetico teatrino televisivo; è la prova che il sistema di “democrazia” occidentale ci regala solo “l’impressione” di detenere un potere, di poter fare una scelta con lo strumento del voto, quando la scelta, fin dalla radice è viziata.
Il potere capitalista si mostra con due facce diverse, polarizzato in apparenti correnti (il famigerato, anche qui da noi, bipolarismo);
viene data la libertà di scelta, si, ma di scegliere sempre la stessa medaglia…

Vera democrazia politica è quando chiunque, a prescindere dal ceto sociale e dalla propria posizione economica, ha le stesse possibilità di chiunque altro di poter esporre e far valere le proprie idee e istanze, nella medesima misura degli altri. Cosa impossibile in un paese neoliberista, dove l’acceso ai mezzi di comunicazione, e quindi dell’attenzione della grande massa, è appannaggio esclusivo dei grandi capitali privati, di cui ne sono addirittura i proprietari.

La forzatura del bipolarismo arriva proprio dalla mancanza di democrazia reale dove, ipoteticamente, ognuno dovrebbe poter proporre le proprie istanze in condizione paritaria rispetto a qualsiasi cittadino, ma viziata per la difficoltà che una persona normale, con i propri limitati mezzi, ha per far sentire la sua voce. Si è ascoltati solo se si ha un capitale finanziario considerevole per una campagna elettorale; personale (e nulla si da per nulla), o messo a disposizione da qualcuno o qualcosa che poi avrà sudditanza sull’eletto…

Ma questo “schema” bipolare precostruito è anche sostenuto dagli elettori stessi, che non vedono nulla oltre il duo mediatico, quando in realtà altro c’è. Con mezzi limitati, mediaticamente emarginati, poco visibili se non per nulla, certo, ma ci sono…
Ben 29 candidati sono in corsa per l’elezione, non per tutti gli Stati, ma a dimostrazione che non esistono solo i forzati neocon Repubblicani e Democratici, e il voto, se usato con coscienza e consapevolezza, è ancora un potere nelle nostre mani…
58fj0pqjTra questi, spiccano Gloria La Riva, attivista dalla California, candidata per i partiti Party for Socialism and Liberation, Peace and Freedom e Liberty Union Party, che propone un programma per una maggiore giustizia sociale e contro la guerra; oppure l’ambientalista Jill Stein, candidata del Partito Verde, molto più conosciuta della prima, che propone un programma realmente progressista e ambientalista, sganciato da qualsiasi pericolosa corporazione.
Votarle con un’importante percentuale, anche se non vinceranno, sarebbe un messaggio importante, soprattutto di autocoscienza collettiva e che farebbe la differenza, per dimostrare che gli schemi imposti dal potere imperialista, decisi da quel famoso 1%, non sono più accettati e che lo schema bipolare è stato finalmente compreso e non sostenuto…

tumblr_l5z3qmi2et1qztheko1_400Ma la maggior parte degli “elettori”, purtroppo, continuerà ad andare in quell’urna pensando di adempiere al proprio diritto-dovere democratico, convinto di fare la differenza scegliendo, (non liberamente e non coscientemente) ancora una volta, tra una peretta gigante e un panino alla merda…

Colasanti Marcello

14708223_1334958323211021_6987036528546812387_n.png

RIPRODUZIONE RISERVATA.
ARTICOLO SCRITTO PER “IL GIORNALE DEL RICCIO”, VIETATO COPIARNE IL CONTENUTO ANCHE PARZIALE SU ALTRI SITI.
CHIEDIAMO GENTILMENTE DI CONDIVIDERE DIRETTAMENTE IL LINK DELL’ARTICOLO E DEL RELATIVO FACEBOOK.
GRAZIE PER LA DIFFUSIONE.

Annunci

One thought on “Analisi dell’elezione del Presidente degli Stati Uniti 2016: una profezia di South Park.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...