Approfondimenti · Articoli del 2017 · Città di Roma · Cultura · Curiosità · Dal Mondo · Eventi · Reportage fotografici e Video · Storia

Capodanno Cinese: Tradizioni e Storia di una festività millenaria.

 

chinese-dragons-parade-hd-images-1920x1080

Il 28 Gennaio e’ iniziato il Capodanno Cinese, che a differenza della festività occidentale, che si risolve in un solo giorno, dura per un periodo di ben due settimane.
Proprio nel suo giorno conclusivo, l’11 Febbraio, che coincide con l’inizio di una nuova celebrazione, la “Festa delle Lanterne”; scopriamo nel dettaglio da dove deriva e quali simbologie gli vengono attribuite.

QUANDO E PERCHE’ ?

luna_nuevaQuest’antichissima e importante festività cinese, ogni anno cade in un giorno differente compreso tra il 21 Gennaio e il 19 Febbraio, data la variabilità dell’antico Calendario Cinese, che difformemente al nostro Gregoriano di tipo solare, è lunisolare: basandosi sui cicli lunari, inserisce un mese intercalare (aggiuntivo) ogni 2-3 anni per mantenere una durata media uguale a quello solare. Anche i calendari babilonesi, greci, celtici, ebrei e indù erano di questo tipo.
Perciò, il capodanno corrisponde al secondo novilunio (quando la luna è totalmente in ombra) dopo il solstizio d’inverno (la declinazione minima del sole), giorno dedicato a Shangdi, divinità o entità che nella lunga storia cinese muterà sensibilmente di significato: da generico “essere” supremo, all’assimilazione del culto imperiale dalla dinastia Shang (1700-1100 a.C.), rappresentando anche le celebrazioni legate al “cielo”,

8a-shangdi
Shangdi

tanto che fino alla dinastia Ming (1368-1644), il solstizio d’inverno lo si troverà ancora legato al suo nome (il termine “Shangdi” viene utilizzato anche dai taoisti come appellativo di rispetto, da non confondersi con la divinità in questione). Proprio per questa sua unicità di “essere supremo” (anche se per un solo periodo della storia cinese) nel panorama religioso cinese, che non contempla una figura assimilabile al nostro concetto di Dio, onnipotente e unico; la parola Shangdi verrà utilizzata nei testi protestanti per tradurre la parola e il significato di “Dio” occidentale.

Attualmente, in Cina è in vigore il calendario Gregoriano, ma le festività, mantengono la datazione di quello tradizionale cinese.

LA LEGGENDA

shishi-chinese-guardian-lion
Il mostro Nian

Nelle antiche leggende cinesi, si narra del mostro Nian, molto simile ad un leone o un cane, che nei giorni coincidenti al Capodanno e ai primi di primavera, scende dalle montagne per attaccare gli umani, prediligendo i bambini. Questo mostro è spaventato dal colore rosso, dalla luce (manifestandosi solo di notte) e dai rumori forti.
Anticamente, proprio per scacciare via la minaccia incombente, si ricorreva alla decorazione delle abitazioni con ornamenti rossi, vestire capi dello stesso colore, esplodere petardi, fuochi d’artificio, e la rappresentazione della famosa e “chiassosa” Danza del leone, eseguita da artisti marziali e acrobati con piatti, percussioni, gong e il famoso costume da bestia.

 

Tutte queste attività sono rimaste nella tradizione del Capodanno cinese, che tutt’oggi possiamo riscontrare nelle usanze della Repubblica popolare; alcune, come l’indossare dei capi di colore rosso, in primo luogo biancheria intima, arrivate fino in occidente.

Una curiosità: il termine “Nian” indica sia il celebre mostro mitologico, che la parola “anno”; perciò, l’augurio usuale che si esprime con “guo nian”, ha il doppio valore di “che passi l’anno” e “che passi la bestia”.

IL CAPODANNO OGGI

Ma a prescindere dalle leggende e superstizioni, nell’antichità come oggi, il Capodanno rappresenta per i cinesi la fine di un duro anno di lavoro e l’occasione per un meritato riposo, con l’augurio di un nuovo anno prospero e fortunato, da passare principalmente in famiglia.
Sempre in relazione alle antiche tradizioni, si hanno una serie di attività nell’arco di questi 15 giorni.

chinese-new-year-decorations-57fa334cc0327
Decorazioni rigorosamente rosse.

Come Festività nazionale, in Cina vengono riconosciuti 3 giorni di ferie.
Nei giorni precedenti, si procede ad un’accurata pulizia della casa, proprio per “pulire via” l’anno che sta per passare, simboleggiato da un aspetto negativo, quello dello sporco e metaforicamente dalla “sfortuna”, preparando la casa ad accogliere la nuova “fortuna” che sta per arrivare.

La casa viene decorata, come precedentemente detto, con ornamenti, ninnoli, lanterne di colore rosso, vero simbolo del Capodanno e di buon auspicio e prosperità.

interesting-stories-behind-chinese-dishes-jiaozi-chinese-dumplings
I famosi “Jiaozi”
jiaozi
Zhengjiao al vapore.

Il Capodanno è soprattutto una festa famigliare, in cui si ritorna ai propri luoghi di origine. Durante la vigilia, insieme ai propri parenti, si consuma un banchetto a base di pesce, che in cinese si pronuncia “Yu”, uguale alla parola “risparmiare” (risparmio che si effettua a fine anno proprio in vista del nuovo), insieme all’altro simbolo del Capodanno da quasi due millenni, i Jiaozi, i famosi ravioli tanto apprezzati anche in occidente, con

img_1426
Guotie alla piastra

ripieno di carne di maiale, manzo, gamberetti, pesce o verdure, sia nelle varianti bolliti (Jiaozi), al vapore (zhengjiao) e alla piastra (guotie). La tradizione vuole che più se ne mangiano nella sera di capodanno, più fortuna si avrà nell’anno nuovo.
A completare il pasto, c’è il tortino di riso “Nian Gao” con datteri, noci e foglie di loto, il cui significato del suo nome è “migliorare di anno in anno”.

Alla mezzanotte è tradizione, assimilata anche qui da noi, l’esplosione di petardi e fuochi d’artificio, seguiti dallo scoppio di tre colpi più grandi, che rappresentano l’uscita del vecchio anno e l’entrata del nuovo (usanza che si ripete ad ogni spettacolo pirotecnico, con i tre colpi finali).

 

cina_-_fuochi

Estremamente tradizionale è lo scambio di buste rosse contenenti dei piccoli doni, solitamente soldi, per parenti, coppie sposate e giovani. Anche se  possono essere utilizzate per il regalo di somme più alte, generalmente si inseriscono delle monete, quindi dal valore puramente simbolico, sempre di numero paro (dato che il disparo è associato al regalo di denaro ai funerali)  e mai quattro, considerato sfortunato, contrariamente al suo doppio, l’otto, fortunato per eccellenza. Negli ultimi anni è divenuto usuale tra i giovani l’invio di “buste rosse digitali”, tramite computer e social network.

tweedot-blog-magazine-hung-bao-capodanno-cinese
Le tradizionali buste rosse da regalo.

GIORNO PER GIORNO.

I primi giorni della festività vengono cadenzati da attività tradizionali, mirate a costruire le condizioni d’armonia ideali per l’anno appena iniziato.

Il primo giorno, a livello pubblico, e’ colorato dalla sfilata allegorica e dalla Danza del leone, che percorre le strade cittadine principali.
Questo giorno e’ dedicato alla visita dei parenti più stretti, principalmente genitori e nonni, mentre per il cibo, negli ambienti buddisti ci si astiene dal mangiare carne, evitando l’accensione di fuochi.

bg06
I costumi utilizzati per la “Danza del Leone”.

Il secondo giorno attinge dai tempi arcaici una tradizione, la visita ai genitori delle donne sposate, dato che anticamente la sposa incontrava molto di rado i propri genitori dopo le nozze; naturalmente i tempi sono cambiati, ma le tradizioni rimangono anche per ricordare antichi aspetti della società.

afp_getty-526530406-760x507

Dal secondo al quarto giorno si dedica particolare attenzione alla preghiera, in special modo alla commemorazione e culto dei defunti, con l’accensione di ceri e incensi.
Nel terzo e quarto, si tende a stare in casa e ad evitare visite, secondo la credenza comune e’ più facile generare litigi, unito al fatto che rimangono dedicati al ricordo dei defunti.

bi-gan
Bi Gan

Il quinto giorno e’ molto importante a Taiwan, la cosiddetta “Cina capitalista”, che viene associato al dio della ricchezza Bi Gan; in questo giorno vengono riaperti, tra i festeggiamenti, gli esercizi commerciali sull’isola.

Il settimo giorno e’ singolare, dato che ognuno si considera più vecchio di un anno. Secondo l’antica mitologia cinese, venne creato l’uomo dall’imperatrice Nuwa, una dei “Tre augusti” che regnarono per primi sulla Cina. Elevata poi a divinità taoista, è uno dei classici processi millenari di fusione tra personaggi reali con figure mitologiche. Questa festività, chiamata Renri, e’ celebrata in tutti i paesi asiatici che hanno subito l’influenza storica e culturale cinese, come il Giappone.

display-6127
L’Imperatore di Giada, rappresentato sempre in ambientazione celestiale.

Il nono giorno e’ di preghiera per tutti i taoisti, che celebrano l’Imperatore di Giada, antica divinità della religione tradizionale cinese associata all’universo e al “paradiso” (inteso come mondo extraterreno), che nel canone taoista è divenuto la controparte di Yuanshi Tianzun, uno dei “Tre puri”, allegorie delle tre fasi di manifestazione del Tao, la costante forza in movimento che scorre in tutta la materia; come spiegato precedentemente, in una religione come il Taoismo che non ammette una visione occidentale di “Dio”, l’Imperatore di Giada va inteso come la rappresentazione simbolica di un custode della moralità.

LA FESTA DELLE LANTERNE

il-capodanno-cinese-in-malesiaorig_main

Il quindicesimo giorno, primo plenilunio dell’anno, porta a conclusione il Capodanno con una nuova celebrazione, la “Festa delle lanterne”. Le città vengono illuminate da tantissime lanterne e nelle ore notturne si passeggia per le vie accompagnati da una di queste. Su ogni lanterna vengono incollati foglietti di carta con scritti degli indovinelli che ognuno può leggere e divertirsi a risolvere, tradizione addirittura millenaria. La festa nasce nel periodo della dinastia Han (206 a.C. – 220 a.C.), ma l’origine si perde in decine di leggende, che vanno dall’Imperatore di Giada, ad antichi guerrieri, alla divinità della fortuna Tianguan, fino a Taiyi, divinità legata alla costellazione del Grande Carro.

lanterns_in_nanjing_fuzimiao
Da semplici lanterne in carta, quelle moderne sono di complessa fattura e forma, rappresentando le più disparate forme, con esposizioni e mostre nei parchi più importanti.
Cibo tipico della festa è il Tanguyan, palline di farina di riso, semplici o ripiene, servite in acqua di bollitura.

L’OROSCOPO CINESE

chinese-zodiac-chinese-zodiac-13785230-300-281

Il capodanno è strettamente legato all’astrologia cinese, che attribuisce ad ogni anno un elemento tra Legno, Fuoco, Metallo, Acqua e Terra, ed uno dei 12 animali che compongono i segni dello zodiaco cinese: Topo, Bufalo, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale. 
615105026Le decorazioni sono fortemente influenzate dal segno e dall’elemento, con rappresentazioni varie dell’animale che simboleggia il nuovo anno. Il 2017 è l’anno del Gallo di Fuoco che si verifica ogni 60 anni, un capodanno speciale perché associato al Fenghuang, un uccello mitologico che simboleggia l’elemento del fuoco, simile alla greca ed egizia fenice, ma che non si rigenera dalle ceneri. Negli anni in cui il Gallo è nell’elemento del fuoco, come in questo 2017, viene chiamato “Gallo Augusto”, riferendosi proprio al Fenghuang.

dragon-and-phoenix-chinese-culture
Il Fenghuang, nella tradizionale rappresentazione con il drago.

 IL CAPODANNO NEL MONDO

Le celebrazioni del Capodanno Cinese sono ormai di portata internazionale, grazie alle comunità cinesi che organizzano eventi nelle maggiori città del mondo, anche con il contributo e patrocinio delle istituzioni locali. A Roma si è celebrato in Piazza del Popolo, con il caratteristico corteo all’apertura dell’evento, per proseguire con uno spettacolo di piazza con ballerini e acrobati. A concludere, i tradizionali fuochi d’artificio.

A seguire, foto e video della giornata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Colasanti Marcello

 

ARTICOLO SCRITTO PER “IL GIORNALE DEL RICCIO”, VIETATO COPIARNE IL CONTENUTO ANCHE PARZIALE SU ALTRI SITI.
CHIEDIAMO GENTILMENTE DI CONDIVIDERE DIRETTAMENTE IL LINK DELL’ARTICOLO E DEL RELATIVO FACEBOOK.
GRAZIE PER LA DIFFUSIONE.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...